Chiesa parrocchiale e oratorio di S. Rosa: 

immobili di interesse culturale

   
La Chiesetta di Santa Rosa è stata costruita nel 1571-1575, per uso privato come cappella oratorio, dalla benestante famiglia Amigoni, i quali possedevano numerosi terreni nelle immediate vicinanze. Dopo la proprietà dei Conti, Caneo e Amigoni, e della Curia di Vittorio Veneto, dal 1920 la proprietà è passata alla parrocchia di S.S. Martino e Rosa e successivamente alla parrocchia di Campolongo, dopo che questa divenne parrocchia nel dicembre del 1947. Nel 1940- '41 vennero eseguiti i primi lavori di restauro e la costruzione della sacrestia, sul retro della chiesetta. Mentre nel 1978 vennero eseguiti altri lavori come la posa del nuovo altare, il rifacimento del pavimento, l'allacciamento alla corrente elettrica, la tinteggiatura ed altri necessari aggiustamenti e manutenzioni.

Ora sono stati svolti degli interventi di manutenzione straordinaria per la messa in sicurezza della copertura che presentava delle infiltrazioni di acqua. Durante i lavori è stata verificata l’integrità delle capriate, delle travature, del tavolato; fortunatamente tutti questi elementi lignei sono risultati in buono stato di conservazione senza necessità di essere sostituiti. In questa fase è stata pulita l’intercapedine tra capriate e controsoffitto a botte ribassata, su cui gravava il peso di nidi di calabroni ed alcuni calcinacci. Il controsoffitto realizzato in arelle ed intonaco è appeso alla struttura del tetto tramite dei tiranti in legno, che sono stati verificati, l’averlo scaricato dei pesi estranei ha alleviato sicuramente tutto il sistema della copertura. Per la completa sistemazione delle fessurazioni del controsoffitto saranno necessari in futuro altri interventi specifici, come pure per gli intonaci esterni. Dopo la pulitura delle strutture è stato risistemato il tavolato, precedentemente rimosso a settori, ed una guaina traspirante, in ultima la posa dei coppi come completamento del manto di copertura. Le grondaie e i pluviali sono stati rimossi e sostituiti con nuovi elementi di dimensioni adeguate. I lavori svolti si sono resi necessari al fine di mettere in sicurezza di questo piccolo luogo di culto, eliminando completamente le infiltrazioni dal tetto.

A testimoniare l’interesse culturale della Chiesa di S. Rosa da Lima anche la notifica prot. N. 2604 del 07/05/2020 del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (Commissione per il patrimonio regionale del Veneto): “Si ritiene che la Chiesa di Santa Rosa da Lima in Campolongo presenti l’interesse culturale di cui all’art. 10, comma 1 del D.lgs. 42/2004, in quanto pregevole esempio di luogo di culto risalente alla seconda metà del XVI secolo. Realizzato dalla nobile famiglia Amigoni-Caneo come oratorio della famiglia, aperto alla comunità locale dei fedeli, il primigenio impianto risulta tuttora leggibile, nonostante le modifiche intercorse. L’immobile si qualifica per gli stilemi classicheggianti che ne ornano la facciata, mentre l’interno, ad aula unica con volta a botte ribassata, dopo i restauri mostra un sobrio luogo di preghiera e raccoglimento, movimentato dalle quadrature dipinte del soffitto”

Anche la Chiesa Parrocchiale e il campanile dell’Annunciazione di Maria Vergine in Campolongo, rientrano tra gli immobili di interesse culturale, come da notifica ricevuta prot. N. 2470 del 04/05/2020 del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (Commissione per il patrimonio regionale del Veneto): “Si ritiene che la Chiesa Parrocchiale e campanile dell’Annunciazione di Maria Vergine in Campolongo presenti l’interesse culturale di cui all’art. 10, comma 1 del D.lgs. 42/2004, in quanto pregevole esempio di luogo di culto sorto su antiche preesistenze e a più riprese ampliato e modificato, fino agli interventi novecenteschi, che gli hanno conferito una conformazione tipica del gusto eclettico-razionalista, allora imperante. E’ tuttora riscontrabile la porzione primigenia conservata e inserita nel rifabbrico, nonché le pregevoli opere d’arte cinquecentesche che qualificano ulteriormente l’abside e l’antica sagrestia, oggi Cappella dell’Eucarestia”.

Elisa

 

.

 

Pagina a cura del gruppo internet  Parrocchia dell'Annunciazione di Campolongo di Conegliano (TV)